Oggi voglio raccontarvi la favola di Riccardo e Ginevra, una coppia di ragazzi piemontesi che si sono trasferiti a Londra, ma che non hanno rinunciato al loro sogno di sposarsi in Italia.

Chi sono Riccardo e Ginevra

Ginevra e Riccardo sono due Piemontesi DOC, lei è nata ad Alba nel 1988 e lui a Torino qualche anno prima.
I due “promessi sposi” sono cresciuti a pochi chilometri di distanza, durante gli anni universitari probabilmente hanno frequentato anche gli stessi ambienti, ma i loro destini si sono incrociati a Londra parecchi anni dopo.
Terminati gli studi universitari, infatti, Ginevra si è trasferita a Londra per un master in marketing e comunicazione. Il master le ha aperto le porte verso una carriera di successo in una delle più importanti agenzie pubblicitarie europee.
Il percorso di Riccardo, invece, è stato un po’ più tortuoso. Si è laureato a pieni voti in economia a Torino, anche lui ha seguito un master a Londra, ma non era ancora giunto il momento di mettere radici.
Dopo l’MBA ad Oxford ha iniziato a lavorare per un’importante Società finanziaria che lo ha fatto girare un po’ per il mondo. Ha trascorso 6 mesi a New York, è tornato a Londra per un breve periodo e nei successivi 3 anni ha fatto la spola tra Londra e Bruxelles.
Con tutti i suoi impegni lavorativi di certo non aveva tempo per il grande amore, mentre Ginevra, senza saperlo, era già lì ad attenderlo.
Nel 2016 finalmente Riccardo è tornato a Londra, questa volta in via definitiva ed ha iniziato coltivare il desiderio di avere una famiglia tutta sua.
Riccardo è cresciuto in una famiglia molto tradizionalista, mamma Carla e papà Antonio sono sposati da quasi 40 anni.
Sin da bambino gli hanno inculcato i valori dell’onesta e della rettitudine e soprattutto gli hanno insegnato a credere nell’amore eterno.
Ginevra è cresciuta, invece, in una famiglia più all’avanguardia. Mamma Antonella praticamente ha dovuto crescere da sola lei e suo fratello Mirco visto che papà Guglielmo era sempre fuori per lavoro.
Guglielmo è un’importante produttore di vino delle Langhe e per questo era spesso in giro per il mondo.
Quando ho conosciuto Ginevra una delle prime cose che mi ha detto è stata “Monica, io non sono cresciuta con il mito del vissero tutti felici e contenti. Non ho mai pensato seriamente di sposarmi. Da piccola non sognavo il mio principe azzurro e non mi immaginavo all’altare con un abito bianco. Ho sempre voluto fare carriera nel mondo del lavoro, ed il mio unico obiettivo era quello di costruire una mia identità personale ed avere la mia indipendenza economica. Qualcosa è cambiato proprio durante i miei anni a Londra. La lontananza da casa ha acuito il mio desiderio di famiglia”.

La scintilla magica

I due si sono conosciuti per caso in un vernissage, in una delle più prestigiose gallerie londinesi una sera di maggio. Quella sera entrambi erano alla mostra inaugurale di uno degli artisti più celebri del palcoscenico britannico, al termine della serata Ginevra e Riccardo si sono ritrovati ad ammirare lo stesso quadro che aveva attirato l’attenzione di entrambi per tutta la serata.
L’attenzione di Ginevra è stata catturata dal ragazzo alla sua destra che borbottava qualcosa in italiano, la lingua del suo cuore.
E così i due ragazzi hanno iniziato a scambiarsi opinioni e punti di vista sul quadro e sulla mostra parlando ovviamente in italiano. Al termine del vernissage la conversazione è proseguita davanti ad un buon calice di vino…italiano!
A quella serata ne sono susseguite delle altre finché non è scoccato l’amore!
Riccardo e Ginevra nonostante la lontananza da casa sono sempre rimasti legati all’Italia. Il sogno di entrambi era quello di tornare in Italia e sposarsi in una location d’eccezione.
In fin dei conti Londra esercita un fascino magnetico, ma l’Italia rappresenta il romanticismo, la storia e l’amore!

Il mio incontro con Riccardo e Ginevra

Quando mi ha contattata Ginevra aveva le idee abbastanza chiare: voleva vivere il suo sogno d’amore!
Il primo incontro lo abbiamo avuto tramite Skype, nonostante la distanza fisica che ci separava siamo subito entrati in sintonia ed è stato un piacere per me lavorare con una coppa di sposi come loro.
L’incontro successivo è stato a Torino nel mio ufficio, qui ci siamo conosciuti di persona e sin da subito abbiamo iniziato a progettare l’architettura del matrimonio.
Incontrare due sposi con le idee così chiare come Riccardo e Ginevra rende sicuramente più facile il lavoro di una wedding planner.
Ginevra è riuscita a tirar fuori le sue emozioni nascoste ed i sogni che aveva coltivato durante gli anni di fidanzamento.
Nel corso del nostro incontro a Torino, Ginevra mi ha confessato che non ha iniziato davvero a pensare al matrimonio finché non ha conosciuto Riccardo e proprio durante gli anni di fidanzamento il suo pensiero costante era quello di tornare a sposarsi in Italia. Immaginava un matrimonio in stile anni ’20 e una bellissima festa per coronare il loro sogno d’amore insieme ai familiari ed agli amici di sempre.
Poi è arrivata la pandemia e così il loro progetto ha avuto una battuta d’arresto. Noi però abbiamo usato questo anno di stop forzato per perfezionare i dettagli del matrimonio così da rendere indimenticabile il momento.

La location, il castello di Casalborgone

Ginevra e Riccardo hanno scelto di sposarsi in una location d’eccezione: il castello di Casalborgone, nel Monferrato non lontano da Torino.
Il luogo ideale dove sposarsi!
Quando gliel’ho proposto, Ginevra e Riccardo, ne sono rimasti subito incantati e affascinati scegliendolo senza dubbi come luogo perfetto per il loro matrimonio in stile anni ’20.
Dopo la scelta della location ci siamo concentrati sulla progettazione, questa è la parte più bella per me perché in questo momento si conoscono a fondo gli sposi ed emergono i loro desideri, i loro dubbi e le loro ambizioni.
Una volta identificato il team il percorso è stato a dir poco magnifico!

Il mio team

Tutti i grandi professionisti con cui ho collaborato mi hanno aiutata a realizzare un matrimonio da favola per Ginevra e Riccardo.
Le persone delle quali ti circondi e con le quali decidi di lavorare sono fondamentali per la riuscita del progetto. Io sono stata una vera privilegiata perché ho avuto accanto a me tutti professionisti seri e preparati!
Finalmente l’emergenza Covid è stata contenuta e così il 15 giugno 2021 è stato possibile celebrare il matrimonio da favola di Riccardo e Ginevra.
È stata una festa magnifica e sicura grazie al servizio vax pax e perché tutti gli invitati avevano ricevuto il green pass.
Ammetto che non è stato facile, questo matrimonio dell’era post covid ha richiesto sicuramente uno sforzo in più degli altri, ma ogni singolo sforzo è stato ripagato dalla soddisfazione e dalla gioia degli sposi.

La favola di Riccardo e Ginevra!

La favola di Riccardo e Ginevra

DATA MATRIMONIO – 25/06/2021

CREDIT:
Event creator, wedding planner- @monicagale_wedding_planner
Location: Castello di Casalborgone @castellodicasalborgone
Fotografo: JOY: @joyphotographers
Abit:
Sposa: VIVI – @vivi_by_rosalbagabrielli
Sposo: CARLO PIGNATELLI – @carlopignatelliofficialpage
Damigelle: CARLO PIGNATELLI – @carlopignatelliofficialpage
Cerimonia: VIVI – @vivi_by_rosalbagabrielli
Bimbi: CARLO PIGNATELLI
Stationary: Monica Galè – @mg_paperofevent
MUA: Beauty Place Chivasso – @_estetica_afrodite
Hair Vanity hair style – @vanityhairstyle_parrucchiere
Floral designer: Steli e Stili @steliestili
Light Designer: @arteluce_wedding_lights
Carrozza: @serviziincarrozza
Musica dal Vivo:-@notedalvivo
Pasticceria: Gerla1927
VAX PAX: @vaxpass1

Vuoi conoscere meglio chi sono? Segui gli altri articoli del mio blog! CLICCA QUI!

Categories:

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.